R I P O S T I G L I O

 

SABRINA BELLINI

 

***

Vorrei che amassi

quel cuore

lasciato in divieto

a coprirsi di freddo

SILVIA CIOFI BAFFONI

 

***​

Secchi e ramazze

scatole di scarpe

da scegliere ogni mattina,

in bilico.

Un parapiglia.

 

Dimenticanze nel buio

(distanze).

SIMONA GAGLIARDI

 

***

Cercando ordine
ti ritrovo fra le mani 
senza un posto nella mente

é lì 
che ti metto-ma 
poi
come ti piglio?

***

Vari ed eventuali 
riposano
nella stretta attesa 
confusa
di una nuova 
utilità

HILDE MARCH

 

***

Ho smesso di riporre e

dimenticare.

La mensola per gli attrezzi ci salva,

separare il chiaro dallo scuro

raggiungere in ogni momento

anche l’ultimo scaffale

è ginnastica per memorie refrattarie.

Anche se, nell’angolo più in basso,

c’è sempre un paio di scarpe

di quando camminavi altrove.

IACOPO NINNI

Riposo

E l’odore di quei ripostigli?
Quel miscuglio di cera da passare e
prodotti per lucidare mobili
e l’argenteria.
Quell’odore lì
di quelle case a cui
non ci si abitua mai
case sempre in attesa
di visite, di festività.
Quell’odore, dicevo, che
nei giorni in cui passava la “donna”
a pulire e a levare le polveri
si spargeva per le sale belle,
e poi di nuovo solido
nel suo regno-ripostiglio
a vegliare le scatole del nonno
colme di oggetti che
“potrebbero prima o poi venire utili”:
la minuteria ordinata nelle confezioni
del caffè Lavazza, con l’etichette a pennarello
“viti, chiodi, cose varie”
e tutti gli altri oggetti
nelle scatole del Twinings,
“chissà mai un giorno avranno un valore”.
I vecchi giornali, gli attrezzi,
i carrelli per la spesa e i sacchetti,
le scarpe della stagione finita.
Tutto riposto a riposo
in quell’odore millenario
che avrai presente anche tu
anche se non hai
mai dormito qui.

 

(da Cosedicasa, dotcom press, Milano 2017)

BRENDA PORSTER

 

***

Tutti i ripostigli hanno una porta segreta

in fondo

tutti i bambini lo sanno

 

così quando ho raccontato alla mamma

del ripostiglio della vicina di casa

con la faccia tosta della convinzione

lei ci ha creduto davvero

e ha concluso che lì stava

il loro denaro nascosto

 

e io invece sapevo

che oltre quella porta

c’era un torrente cristallino

dove nuotavano pesci d’oro

e che l’erba di smeraldo assoluto

era fragrante di voci.

EVA TAYLOR

 

Luce nel ripostiglio.
Dal fondo del corridoio
attraverso il vetro opaco
l’ombra di un quaderno, foto, carte.

Messe lì, accanto alle scatole, le conserve

sembrano quasi utili
come una tisana per dormire meglio.

Tra queste delle pagine,
ciò che volevo dire,
pensavo di essere.

La carta è ingiallita

diventerà farina,
cibo per una serata.

MASSIMO VEZZOSI

 

***​

era vuoto d'avanzo/inutile a cose minime/riposte con gesti minuti in angoli acuti/

                                   vuoto che non sapeva avrebbe usato col duro di pacchi/

penombra di scarpe sul velo di un solaio armato di ferro disossato ---

 

 

--- nel silenzio/che preme e satura l'annuncio del crollo/

un franare di calcinacci vivi dentro una tregua di sonno/

 

   

                    - lo scaleo arrampica lo scuro/forse in alto nevica l'inverno -

 

Polvere

(primo deposito)

sulla pelle in strati

di fumo chiuso.

sciogliere di calce

che non cretta la falda del respiro.

                                  (controluce ingannano lucciole di pulviscolo)

 

(secondo deposito)

 

lentamente ricoperti

restiamo dove siamo.

sindoni di depositi sparsi sulla testa

accumulati sotto le labbra.

  • Pinterest Icon sociale
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale